Gestire il caseificio in modo verticale

0
1090

 

Riccardo Favaretto, direttore tecnico e project manager della divisione food di Gruppo Filippi

Sfruttare le informazioni per ottimizzare le scelte strategiche, aumentare la produttività aziendale e per automatizzare i processi nei settori caseari, carni e food. Oggi è possibile con il software gestionale Zucchetti Yala.

Gruppo Filippi, partner di Zucchetti, (https://www.gruppofilippi.it) è una software house che si distingue per l’analisi e la progettazione di applicativi verticali dedicati alle aziende del settore alimentare. Offre soluzioni personalizzate per la gestione completa di tutte le aree aziendali (commerciali, amministrative, logistiche e produttive), consentendo ai caseifici e alle aziende che operano nel settore carni/food di automatizzare la loro attività. Ne abbiamo parlato nel dettaglio con Riccardo Favaretto, direttore tecnico e project manager della divisione food di Gruppo Filippi.

Che cosa rappresenta Gruppo Filippi per le aziende del panorama alimentare italiano?

Fin dall’inizio ci siamo dedicati al lattiero-caseario, sulla base delle nostre conoscenze del settore che risalgono al 1990. Nel 2009, anno in cui abbiamo implementato il verticale specifico per il settore lattiero-caseario, siamo diventati un riferimento per i caseifici che vogliono gestire la propria attività in modo più veloce e preciso. A questo software, nel 2011 abbiamo pensato di aggiungere un’ulteriore versione dedicata alle aziende del comparto carni e macelli. Il verticale, che si chiama Ad Hoc Yala, l’abbiamo sviluppato sulla base di Ad Hoc Revolution di Zucchetti, il gestionale client/server più diffuso a livello italiano per le piccole e medie imprese. Con il nostro verticale aiutiamo i clienti a gestire tutti gli aspetti legati all’operatività quotidiana con un unico strumento.

Ci parla della vostra divisione food?

Gruppo Filippi impiega un totale di circa trenta persone, un team ben preparato che offre tutte le competenze e la tecnologia per consentire ai clienti di semplificare una gestione che altrimenti risulterebbe complessa e onerosa. Progettiamo soluzioni gestionali integrate per i clienti del settore alimentare, garantendo loro un costante affiancamento per centrare gli obiettivi. In questo momento il nostro applicativo è installato in aziende dislocate in tutta Italia, ed è utilizzato da aziende del food che trattano tutte le tipologie di prodotto e che devono gestire al meglio la rintracciabilità alimentare, l’etichettatura della merce, la produzione, l’interfacciamento con prezzo/pesatrici e bilance, la raccolta ordini e la tentata vendita. Il verticale gestisce anche la parte di laboratorio, con un’attenzione particolare alla gestione della qualità.

Yala è un software gestionale che si è evoluto con il mutare del mercato. Ci parla dei miglioramenti apportati nel corso del 2019?

La parte contabile si basa sul gestionale Zucchetti, azienda italiana attiva nello sviluppo di gestionali, e su questa da sempre noi sviluppiamo la nostra applicazione, integrata al 100%. Nel 2019 abbiamo introdotto per esempio la parte di gestione della produzione (inserimento della scheda di lavorazione da parte del casaro già a bordo del mezzo di trasporto) direttamente online tramite l’utilizzo di tablet industriali. Abbiamo eseguito l’upgrade alla nuova release Zucchetti, che ora permette l’aggancio alla contabilizzazione automatica delle fatture d’acquisto. Abbiamo integrato il nuovo modulo delle offerte, quindi la gestione dei contatti, integrando il modulo Zucchetti all’interno del nostro verticale, e implementato i moduli della gestione qualità e della gestione del laboratorio. L’implementazione del modulo della tentata vendita su dispositivi android offre un’ulteriore comodità ai clienti, così come la gestione della tracciabilità interna di magazzino (unità logistiche contenenti una serie di prodotti tramite tecnologia RFID) e la gestione dell’avanzamento produzione per fasi di lavorazione. I molteplici moduli disponibili (vedi box) possono essere adottati in tempi diversi, all’aumentare delle complessità gestionali di un’azienda.

Quali sono le principali richieste che vi fanno i caseifici? E in quanto tempo siete in grado di rispondere?

Le nuove richieste non ci spaventano, e nemmeno quelle più particolari. Perché il nostro software contempla già l’80% delle esigenze dei caseifici, che sono generalmente comuni a tutte le tipologie di azienda. La logica con cui abbiamo cercato di sviluppare il verticale è quella di considerare importanti tutte le esigenze di un cliente tipo. Questo ci semplifica il lavoro, perché in pratica dobbiamo lavorare solo su quel 20% che esula dalla tipicità. Dopo l’audit iniziale, presentiamo al cliente una, due e qualche volta tre demo sempre più dettagliate. Quindi organizziamo una/due giornate di analisi per capire bene i processi e poi proponiamo un preventivo completo chiavi in mano. In genere, dal primo incontro all’offerta definitiva passa al massimo un mese.

Quale tipo di assistenza post vendita fornite ai vostri clienti?

Rimaniamo sempre in contatto con le aziende che hanno installato il nostro verticale. Quelle meno strutturate, che non hanno un Edp manager, ci considerano dei riferimenti dal punto di vista informatico, figure quasi confidenziali. Una volta testata l’efficacia del nostro verticale, i clienti molto spesso ci chiedono implementazioni di ulteriori funzioni che non avevano previsto di attivare nella fase iniziale. Spesso un cliente che sceglie i moduli per la gestione ordini e la raccolta latte, poi integra il pacchetto con il modulo di peso/prezzatura o introduce terminali per monitorare l’attività di manutenzione.

Esistono corsi per imparare a usare il vostro software?

Aggiorniamo il nostro verticale due, tre volte l’anno. Dopo di che organizziamo delle sessioni presso il cliente per mostrare le nuove funzionalità, oppure teleconferenze con gruppi di clienti con le stesse esigenze. Attualmente stiamo preparando una demo di prodotto da poter scaricare via web (canale youtube) e corsi strutturati su webinar.

I molteplici moduli di Ad Hoc Yala
La scalabilità del software permette di aumentare la produttività in base alle nuove esigenze che si presentano nel corso del tempo, scegliendo tra i seguenti i moduli:
-Doppia unità di misura
-Controllo medie
-Calo del peso
-Gestione stagionatura
-Gestione cicli di lavoro
-Contabilità automezzi
-Controllo costi di trasporto
-Mercuriali
-Interfacciamento peso/prezzatrici
-Gestione terminali RFID
-Contratti e premi vendita
-Etichettatura merce in ingresso
-Qualità fornitori
-Gestione manutenzione macchine/strumenti
-Tracciabilità e controllo lotti
-Gestione date semaforo
-Produzione
-Analisi rese
-Analisi costi/consumi
-Etichettatura prodotto finito
-Gestione latte e conferenti
-Gestione quote

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here