Gruppo BCC Iccrea finanzia Latterie Vicentine con 17 milioni

208
Il rendering del progetto

Il gruppo BCC Iccrea, attraverso la sua capogruppo BCC Banca Iccrea in pool con Banca delle Terre Venete – capofila dell’operazione – e BCC Verona e Vicenza, ha finanziato un progetto di Latterie Vicentine.

Il finanziamento da 17 milioni di euro è destinato a: la nuova realizzazione del caseificio del Grana Padano e del magazzino di stagionatura; l’ampliamento del centro di confezionamento sempre all’interno del polo produttivo a Bressanvido.

Nata nel 2001 dalla fusione di due cooperative locali, Alvi di Bassano e Cooperativa produttori latte Schio, Latterie Vicentine rappresenta oltre 250 aziende agricole ubicate nelle province di Vicenza, Padova, Treviso e Trento ed è oggi il più grande polo produttivo di formaggio Asiago Dop.

La cooperativa veneta lavora oltre 110 milioni di litri di latte all’anno, caseificando 400.000 forme di Asiago Fresco, 50.000 forme di Asiago Stagionato e 77.000 forme di Grana Padano. Il suo fatturato ammonta a circa 95 milioni di euro. Oltre alle Dop, la cooperativa produce formaggi come Brenta Selezione Oro, 7 Malghe e Oro di Malga. 

Da sinistra: Alessandro Mocellin, presidente di Latterie Vicentine, e Eugenio Adamo, direttore generale di Banca delle Terre Venete

Per lo sviluppo del territorio

“Questo finanziamento non è solo un segnale di fiducia nel potenziale di crescita di Latterie Vicentine – spiega Alessandro Mocellin, presidente di Latterie Vicentine – ma rappresenta anche un forte impegno verso i valori di cooperazione e sviluppo sostenibile del territorio. L’investimento, destinato al nuovo impianto produttivo del Grana Padano ma non solo, è stato pensato per concentrare la produzione in un unico grande sito produttivo e rendere così sempre più sostenibile e performante la nostra cooperativa, con l’obiettivo di gratificare sempre di più la base sociale”.

Così commenta l’operazione il direttore generale di Banca delle Terre Venete Eugenio Adamo: “Il rapporto storico con Latterie Vicentine si rafforza con questa operazione, che ha impatti positivi per tante realtà produttive del settore primario. L’innovazione di processo, che andiamo a sostenere, è una leva strategica per la crescita delle imprese del nostro territorio e abbiamo ancora più soddisfazione quando viene attuata da società cooperative, con le quali condividiamo i principi di mutualità, cooperazione e localismo”.