Maggior tutela per la Mozzarella di Bufala Campana negli USA

0
48
La firma dell’accordo

La Mozzarella di Bufala Campana è una IG mentre il termine “mozzarella” è generico. Questo in estrema sintesi è l’esito dell’accordo sottoscritto dal Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana e dallo U.S. Dairy Export Council (USDEC) a inizio mese.

Il 6 agosto, il Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana, lo U.S. Dairy Export Council (USDEC) e il the Consortium for Common Food Names (CCFN) hanno firmato a Caserta, nella sede del Consorzio, l’accordo sulla protezione della denominazione Mozzarella di Bufala Campana Dop negli Usa.

Si tratta di un accordo storico che aprirà la strada a un nuovo dialogo sulla protezione dei prodotti di origine in America e anche nei mercati globali, nel rispetto dei diritti delle aziende di produrre prodotti generici.

L’accordo stabilisce che qualsiasi richiamo, testuale o grafico, al territorio di produzione su un prodotto similare lede i diritti della Mozzarella di Bufala Campana Dop. Esso riconosce inoltre il libero utilizzo del termine mozzarella per definire un formaggio conforme alle prescrizioni del Codex Alimentarius e dello standard d’identità della Food and Drug Administration. Gli Stati Uniti sono il primo mercato extra UE per l’export della Mozzarella di Bufala Campana Dop, con una quota pari al 7%, e ciò rende l’accordo un passo significativo per la protezione delle IG e per l’uso di nomi generici.

Inoltre, il Consorzio e US Dairy Export Council hanno inviato una lettera congiunta alla Commissione europea e ai governi di Stati Uniti e Italia chiedendo di condividere questo accordo e di sostenere gli sforzi per proteggere sia la denominazione Mozzarella di Bufala Campana sia l’uso libero del termine mozzarella nei mercati di tutto il mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here