Monitoraggio Ismea-Aicig sui marchi a Ig

1448

banco-formaggiSono stati diffusi i primi dati sul monitoraggio del mercato nazionale e di salvaguardia dei prodotti a IG (Indicazione geografica) messo a punto da Ismea-Istituto di Servizi per il Mercato agricolo Alimentare, sulla base di una convenzione specifica con Aicig-Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche.
L’attività si è avvalsa del supporto tecnico di Nielsen che ha rielaborato ad hoc le sue basi di dati relativi ai servizi RMS (Retail Measurement System) e Folder@net (la promozionalità nella GDO). In questa fase di start up, l’attività ha analizzato le opportunità e i limiti offerti dalle differenti banche dati che poi saranno organicamente composte per rendere fruibili e leggibili i dati. Gli strumenti di monitoraggio riguardano un campione di prodotti IG a peso fisso/imposto presso la distribuzione moderna compresi i discount – campione di 9.000 punti vendita, che coprono quasi il 100% degli ipermercati e il 50% dei supermercati; e un campione di soli salumi e formaggi IG a peso fisso/imposto e variabile (no EAN) presso la distribuzione moderna e il normal trade, ma senza discount.
I risultati dei primi otto mesi (gennaio-agosto 2016) di rilevazione evidenziano come, nel caso delle IG  “il valore aggiunto crei valore”: se la spesa dei prodotti agroalimentari in genere (a peso fisso) è cresciuta dell’1,2% su base annua, quella dei prodotti DOP e IGP oggetto di monitoraggio presso la distribuzione moderna (si tratta di un campione altamente rappresentativo sia in quanto a categorie di prodotto – salumi, formaggi e latticini, frutta fresca, ortaggi freschi, olio extravergine – sia in quanto a “peso specifico” dei marchi) è cresciuta del 7% in valore (+12,1% in volume). Una crescita, questa, pressoché generalizzata.
Scendendo nel particolare, nel periodo gennaio-agosto 2016, le vendite a peso fisso di formaggi DOP hanno mostrato un +8% in volume e un +5,7% in valore rispetto ai primi otto mesi del 2015, mentre le vendite di formaggi senza marchio DOP sono risultate in crescita solo in volume (+1,4%).
Passando al monitoraggio effettuato presso la distribuzione moderna e il dettaglio tradizionale, le tendenze mostrano una contrazione, seppur lieve, dei formaggi DOP (peso fisso  e variabile) monitorati sia in volume che in valore (rispettivamente -0,7% e -0,8%).

Altro capitolo è quello dell’analisi sistematica delle attività promozionali comunicate dalla distribuzione moderna tramite volantino, dalla quale si evince come, tra maggio e agosto 2016, alcuni importanti prodotti IG oggetto di monitoraggio (Parmigiano reggiano DOP, Grana padano DOP, Mozzarella di Bufala campana DOP, Prosciutto crudo di Parma DOP, Prosciutto crudo San Daniele DOP e Mortadella di Bologna IGP ) siano stati inseriti nei volantini di oltre il 75% dei PdV dell’universo considerato. Tra le promozioni più diffuse ci sono il “taglio prezzo” e la “fidelity”, ma prevalgono su tutti gli annunci dove non è chiaramente identificabile un vantaggio per il consumatore. Mentre per quanto riguarda le fasce di sconto, la fascia 15-29% prevale nella Mozzarella di Bufala Campana, quella che va dal 30 al 39% riguarda soprattutto i formaggi duri e il prosciutto crudo, mentre nella Mortadella Bologna sono più numerosi gli sconti che tagliano il prezzo oltre il 40%.